Caso di successo nei Media

Vogliamo condividere con voi una storia di successo di PDA, strumento psicometrico che identifica il potenziale di persone e, da quelle informazioni, permette di creare programmi di formazione e gestione dei talenti.

Oggi voglio condividere una storia di successo in una società del settore dei media.

La direzione della società ci convoca per creare una Mappa dei Talenti, che mirava a migliorare il contenuto del quotidiano. La prima cosa che abbiamo fatto per identificare i collaboratori di maggior talento è stata somministrare il PDA a tutti i giornalisti. Abbiamo deciso di inserire anche in questa valutazione ai membri del CdA. Abbiamo inoltre condotto “focus group” e interviste in profondità per ottenere informazioni più complete e dettagliate, sia del lavoro individuale, sia di gruppo. Così siamo arrivati a una “diagnosi macro” di ciò che stava avvenendo nelle dinamiche della società: il profilo di gruppo molto conservatore e con paura di rischiare, caratterizzato da uno stile di leadership basato sul controllo e di poca apertura al cambiamento, limitava fortemente la capacità creativa e innovativa.

Arrivati a questa diagnosi, abbiamo dato feedback di gruppo al CdA e ai Leader di ogni gruppo di lavoro. Come di consueto in questi momenti, appaiono certe resistenze ad accettare la diagnosi, questa è una parte naturale del cambiamento. Con l’emergere della resistenza, proponiamo alcune dinamiche di gruppo e giochi che consentono di visualizzare nell’azione e nella dinamica stabilita tra i partecipanti, i profili PDA: tratti conservativi nei processi decisionali e di comunicazione. Le stesse dinamiche permettono che questi “atteggiamenti conservatori e la resistenza al cambiamento” siano osservati da tutti i membri del gruppo. A quel punto abbiamo proposto una discussione di gruppo su ciò che avevano osservato nelle dinamiche e giochi, integrando così i risultati della diagnosi.

Spesso, una delle sfide principali con cui ci imbattiamo è la resistenza al cambiamento, soprattutto quando si lavora con profili conservatori e strutturati, come in questo caso. Attraverso il nostro intervento e un piano focalizzato, siamo riusciti ad ottenere una maggiore consapevolezza riguardo ai problemi esposti, generare nuove forme di comunicazione e, soprattutto, costruire nuovi modi per affrontare le sfide, facendo in modo che le modifiche apportate permettano il raggiungimento degli obiettivi e l’apertura all’innovazione e alla crescita.

In questo caso, si rafforzò il tema della leadership e si lavorò nella formazione dei leader. Abbiamo anche lavorato sul potenziamento delle abilità ‘creative’ del gruppo di giornalisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *